Back

Arnold Schoenberg con le sue parole

Scrivo ciò che sento nel cuore - e quello che finalmente arriva sulla carta è ciò che per primo scorreva attraverso ogni fibra del mio corpo.
Io non sono che il diffusore di un'idea. L'idea è una corrente elettrica nell'aria. Può venire da Giove - dal cosmo - che non è provato.
Non c'è distrazione come la musica antica e moderna, ma solo buona e cattiva.
David Bach, un linguista, filosofo, conoscitore della letteratura, e un matematico, che era anche un buon musicista è stato molto influente nell'aiutarmi a diventare un vero e proprio straight-forward carattere la cui etica e il morale fornisce il potere di resistenza contro la volgarità e la popolarità del luogo comune.
... Mi è stato chiesto se alcune delle mie composizioni siano "pure" o "dodecafoniche". In realtà, non lo so sempre. Sono ancora più un compositore che un teorico. E quando compongo, cerco di dimenticare tutte le teorie, e continuo a comporre solo dopo aver liberato la mente. (La mia evoluzione)
La musica si capisce solo quando si va via cantandola e si ama solo quando ci si addormenta con essa nella testa, e la si ritrova ancora lì al risveglio la mattina dopo.
Sono schiavo di un potere interno più potente della mia educazione.
La grande arte presuppone la mente vigile dell'ascoltatore istruito.
Il valore di mercato è irrilevante rispetto al valore intrinseco. ... Un giudizio senza riserve può al massimo pretendere di decidere il valore di mercato, un valore che può essere inversamente proporzionale al valore intrinseco.
Il mio lavoro va giudicato come entra nelle orecchie e nelle teste degli ascoltatori, non come viene descritto agli occhi dei lettori.
Devo molto, molto a Mozart; e se si studia, per esempio, il modo in cui scrivo per il quartetto d'archi, non si può negare che l'ho imparato direttamente da Mozart. E ne sono orgoglioso!
Nel mio insegnamento non ho mai cercato semplicemente di "dire alla gente quello che so". Meglio dire loro quello che non sapevano. Eppure nemmeno questo era il mio obiettivo principale, anche se per me era sufficiente escogitare qualcosa di nuovo per ogni alunno. Ho lavorato piuttosto per mostrare loro la natura della questione da zero. Quindi, non ho mai imposto quelle regole fisse con cui il cervello di un allievo è così attentamente legato in nodi. Tutto è stato formulato come in istruzioni che non erano più vincolanti per l'allievo che per l'insegnante. Se l'allievo può fare qualcosa di meglio senza le istruzioni, lasciateglielo fare. Ma l'insegnante deve avere il coraggio di ammettere i propri errori. Non deve porsi come infallibile, come uno che sa tutto e non erra mai; deve piuttosto essere instancabile, costantemente alla ricerca, forse a volte a trovare. Perché posare come semidio? Perché non essere, piuttosto, pienamente umano?
Ai lettori più astuti questo messaggio è dato. L'unico modo per capire e ascoltare la musica moderna è ascoltarla il più spesso possibile; ascoltarla, sentirla, ascoltarla, cento volte. Questo è l'unico modo. L'attuale generazione è conservatrice e abituata a certe scale, tasti e combinazioni di accordi, in modo che il loro udito sia sempre stato secondo queste linee stereotipate. La nuova generazione può "catturare" il linguaggio moderno, in quanto non sono così ostacolati da precedenti. Ma per capire la musica moderna bisogna studiare. E' una scienza da indagare come qualsiasi altra.
Non considero la mia musica come atonale, ma piuttosto come non-tonale. Sento l'unità di tutte le chiavi. La musica atonale di compositori moderni non ammette alcuna chiave, nessuna sensazione di centro definito. Non è, tuttavia, una questione di matematica, perché nella musica come nella pittura e nell'architettura è una cosa che si sente, piuttosto che qualcosa che si capisce.
Uno dei principali compiti che i musicisti creativi devono affrontare oggi è quello di cercare di insegnare al pubblico ad ascoltare musica contemporanea e, naturalmente, il pubblico deve avere la possibilità di ascoltare musica contemporanea.
Nel mio lavoro di insegnante sottolineo l'importanza della formazione dell'orecchio. Lo studente di musica ha bisogno di più per imparare ad essere correttamente ricettivo. Non possiamo insegnare a tutti ad essere un artista creativo - che non si può insegnare. Ma possiamo insegnare a molte persone ad essere ascoltatori ricettivi. Quello di cui abbiamo bisogno in tutte le arti, è un gran numero di buoni dilettanti.
La grande differenza è che la musica progressiva di oggi è condensata. Questo non vuol dire che le idee nella nuova musica siano migliori - può essere vero il contrario - ma si esprimono in modo più conciso, senza ripetizioni ed elaborazioni.
Lo stesso principio di concisione, condensazione e semplicità si applica, naturalmente, anche alla letteratura e alla pittura moderne, oltre che alla musica.
Mi piace la buona musica popolare. Mi piace per il suo divertimento, ma non quando è solo una ripetizione meccanica di cose che sono state fatte più e più volte: non solo la produzione commerciale di massa.